La Cucina Italiana
Tutte le migliori ricette de La Cucina Italiana.
Leggi qui
Per gli auguri
In questa pagina troverai delle belle frasi per gli auguri.
Leggi qui
Per ridere
Perché abbiamo bisogno di barzellette? Perché vogliamo ridere.
Leggi qui
Calcio
La storia del calcio italiano.
Leggi qui
Citazioni
Una citazione è la ripetizione di un'espressione che viene riportata in un testo da una persona diversa dall'autore.
Leggi qui
Film
Film in Streaming e Serie Tv.
Leggi qui
Cinema
Trova il cinema più vicino.
Leggi qui
Musica
La musica è il prodotto dell'arte di ideare e produrre. Ascolta la tua musica preferita.
Leggi qui
Giochi
Giochi flash gratis. Clicca qui e gioca subito gratis.
Leggi qui
TV Online
Tutte le TV italiane in streaming visibili da smartphone, tablet e PC.
Leggi qui
Предыдущая
Следующая

Cagliari Calcio SpA

[real3dflipbook id="1"]

La storia della squadra di calcio "Cagliari"

La prima partita riportata dalle cronache viene disputata nel 1902 tra un gruppo di studenti cagliaritani e una squadra di marinai genovesi, andata in scena a Piazza d’Armi e vinta dai liguri perché più forti e più abili. Quasi otto anni dopo una compagine isolana, la Società Ginnastica Amsicora, si reca a Torino per giocare un torneo contro le più esperte squadre del continente, riuscendo a rimediare solo pesanti sconfitte, tuttavia quella esperienza getta le basi per la creazione di un club calcistico cagliaritano. Il 30 maggio 1920 il chirurgo Gaetano Fichera fonda il “Cagliari Football Club”: la prima gara della storia del sodalizio cagliaritano è datata 8 settembre del 1920, quando sul campo dello stadio Stallaggio Meloni i cagliaritani affrontano e sconfiggono la Torres. Il neonato club successivamente prende parte al “Torneo Sardo” disputato contro la Torres, l’Ilva Maddalena e l’Eleonora d’Arborea. Il Cagliari, sotto la guida dell’allenatore-giocatore Giorgio Mereu, si impone vittoriosamente sulle altre compagini. Mereu, di professione avvocato, diventa successivamente il nuovo presidente del Cagliari succedendo a Fichera. Nel 1926 il Cagliari indossa per la prima volta la divisa con i colori rosso e blu. Nella seconda metà degli anni 1920, dopo una lunga crisi finanziaria, la società viene riorganizzata dall’allora podestà della città Vittorio Tredici e dall’avvocato Carlo Costa Marras: viene deciso di utilizzare calciatori non isolani (militari e non), provenienti dal resto d’Italia. Nel 1928 la guida della squadra viene affidata all’allenatore ungherese Róbert Winkler, il quale si disimpegna anche come portiere o centrocampista.

Il primo torneo ufficiale a cui il Cagliari si iscrive è la Divisione Meridionale, nel girone laziale-umbro. La squadra raggiunge le finali, ma perde contro Lecce, Palermo e Foggia. Dopo il 5º posto del 1930, arriva Ernest Erbstein, altro allenatore ungherese ma di stanza nella penisola già da diversi anni, e con lui in panchina il Cagliari vince il girone F di Prima Divisione e può così accedere per la prima volta al campionato di Serie B.

A causa, però, della mancanza di risorse finanziarie, la società è obbligata a cedere i suoi pezzi migliori, tra cui proprio Erbstein. L’anno successivo è eletto presidente Aldo Pacca, ma la società fallisce: nel 1935, nonostante il nono posto ottenuto sul campo, il Cagliari si scioglie a causa di molti debiti. Dalle sue ceneri nasce l'”Unione Sportiva Cagliari”, che raccoglie l’eredità sportiva della vecchia società, ripartendo dal campionato sardo di Seconda Divisione. Nel 1937 il club si iscrive al campionato di Serie C, sfiorando per poco la retrocessione. Nel 1938, l’allora presidente Mario Benditelli richiama alla guida della squadra Winkler, portando i rossoblù al quinto posto. Nel 1939, dopo il secondo addio di Winkler, la squadra si piazza al sesto posto grazie al centrocampista Mariolino Congiu, che svolge il ruolo di giocatore-allenatore, prima che la seconda guerra mondiale fermi i campionati di calcio. L’attività prosegue con tornei a carattere regionale, nel frattempo Banditelli abbandona la società.

I rossoblù ripresero a giocare nel 1945 in Prima Divisione regionale, e 1947 partecipano alla Serie B, terminando il campionato all’ultimo posto. La squadra si iscrive alla Serie C e viene acquistata da Domenico Loi, che avvia un progetto di rinascita. Nella stagione 1951-1952, grazie ai gol di Livio Gennari, Roberto Serone e Erminio Bercarich, il Cagliari vince il Campionato di Serie C e riesce a ottenere la promozione in Serie B; in quello stesso anno i sardi abbandonano il vecchio campo di via Pola, ritenuto inadeguato, e si trasfericono nel nuovo stadio Amsicora.

Nel primo anno in Serie B la squadra si qualifica sesta, non rendendo pienamente giustizia alle proprie possibilità. L’anno successivo i rossoblù, finendo secondi in campionato, disputano gli spareggi per la promozione in A perdendo per 2-0 contro la Pro Patria. La metà degli anni 1950 sono caratterizzati da una girandola di presidenti e allenatori, tra questi spicca Silvio Piola. In quel periodo il Cagliari si piazza spesso a ridosso della zona promozione. Nel 1960 il Cagliari retrocede in Serie C, l’anno successivo la squadra sotto la guida dell’allenatore Rigotti sfiora con il secondo posto la riconquista della Serie B, che arriva nella stagione successiva, che, grazie all’arrivo in panchina di Arturo Silvestri, si classifica primo davanti all’Anconitana.

Nella prima stagione di nuovo tra i cadetti , i sardi terminano il campionato all’undicesimo posto. L’anno successivo la società sarda aggiunge alcuni importanti tasselli, tra i quali il futuro campione Gigi Riva. Grazie a una squadra rafforzata, il Cagliari riesce a conquistare per la prima volta la promozione in Serie A, classificandosi secondo, dietro il Varese.

Nel 1964-1965 il Cagliari disputa il suo primo campionato di Serie A rimontando nel girone di ritorno e arrivando alla fine sesto in classifica con 34 punti. Nel 1965-1966, l’ultima dell’allenatore Silvestri, il Cagliari arriva undicesimo mentre nel campionato seguente i rossoblù, sotto la guida di Manlio Scopigno, finiscono sesti a quota 40 punti. I costi della Serie A diventano sempre più insostenibili per la squadra e così, necessitato a dover far quadrare i bilanci, il presidente Enrico Rocca, mette in vendita Riva, tuttavia la contrarietà della tifoseria porta Rocca a trasformare il Cagliari in una S.p.a.

Le imprese Sir di Porto Torres, Cartiera di Arbatax, Tessili Beretta di Villacidro, Petrolchimica Macchiareddu di Assemini e Saras di Moratti si impegnano a versare un contributo annuale per la gestione economica della società. Nel 1967-1968, con Ettore Puricelli la squadra si piazza nona, ma è con il ritorno di Scopigno che il Cagliari nella stagione 1968-1969 lotta per lo Scudetto insieme a Fiorentina e Milan piazzandosi al secondo posto proprio dietro la squadra viola guidata da Bruno Pesaola. Il Cagliari in quello stesso anno arrivò fino in fondo anche in Coppa Italia, sfiorandone la vittoria, piazzandosi seconda alle spalle della Roma vincitrice del torneo.

Nella stagione 1969-1970 il Cagliari, sotto la guida di Scopigno, vince il suo primo e tuttora unico titolo nazionale. I sardi balzano al primo posto nella sesta giornata di campionato grazie alla vittoria sui campioni d’Italia a Firenze per 1-0, rimanendo in testa fino alla fine del torneo benché incalzati dalla Juventus. Il 12 aprile 1970, mentre la Juventus è sconfitta in casa della Lazio, il Cagliari batte il Bari per 2-0 all’Amsicora, acquisendo la certezza matematica del tricolore con due giornate di anticipo. Mentre in Coppa Italia non riuscì l’impresa ai neo campioni d’Italia, che si posizionarono terzi alle spalle del Bologna vincitrice del torneo e del Torino secondo. Nella Coppa delle Fiere, il cammino del Cagliari è meno fortunato, infatti i rossoblù vengono eliminati nei sedicesimi di finale dai tedesco-orientali del Carl Zeiss Jena.

Il campionato 1970-1971 inizia nello stesso modo del precedente. Il Cagliari grazie alle vittorie all’Olimpico sulla Lazio per 4-2 e a San Siro sull’Inter per 3-1 dopo quattro giornate è già in testa alla classifica, ma l’infortunio riportato da Riva durante Austria-Italia 1-2 del 31 ottobre 1970 condiziona negativamente la stagione dei campioni d’Italia. I rossoblù terminano il torneo al 7º posto e anche l’avventura in Coppa dei Campioni è compromessa dall’assenza di “rombo di tuono”: il club sardo viene eliminato agli ottavi di finale dall’Atletico Madrid perdendo 3-0 la gara di ritorno al Vicente Calderón, dopo la vittoria per 2-1 dell’andata, con Riva ancora in campo e a segno, insieme con Gori.

Nel 1971-1972 il Cagliari, trascinato dalle 21 reti di Riva, chiude il campionato al quarto posto, a quattro lunghezze dalla Juventus campione d’Italia; il piazzamento consente l’accesso alla Coppa UEFA 1972-1973, dalla quale i rossoblù vengono eliminati al primo turno dall’Olympiakos. A fine stagione Scopigno non è confermato e al suo posto viene chiamato Edmondo Fabbri, ex commissario tecnico della Nazionale ai mondiali di Inghilterra del 1966 dove Riva era stato portato da “turista”. La squadra non riesce più a ripetere le prestazioni degli anni precedenti, rimanendo lontana dalla zona scudetto, e terminando il campionato all’ottavo posto. Negli anni successivi, sulla panchina del Cagliari si alternano con esiti non sempre positivi molti allenatori, fra i quali Beppe Chiappella, Luigi Radice e Luis Suárez. L’irreversibile decadenza dei sardi culmina con la retrocessione in Serie B nel campionato 1975-1976, nel corso del quale si aggiunge a metà stagione un grave infortunio a Riva, il che si traduce nel suo definitivo ritiro dal calcio giocato.

Nel 1976-1977, sotto la guida di Toneatto, il Cagliari si piazza al secondo posto dietro il Vicenza di Paolo Rossi a pari merito con Atalanta e Pescara ma perde gli spareggi promozione disputati a Genova (Atalanta-Cagliari 2-1) e Terni (Pescara-Cagliari 0-0). Fu decisivo per le sorti dei quattromori un episodio che accadde durante un Cagliari-Lecce del marzo 1977 allorquando il calciatore salentino Cannito venne colpito al volto da un’arancia lanciata dagli spalti, la conseguente sconfitta a tavolino dei sardi impedì di fatto di raggiungere la promozione diretta in A, infatti la partita poi si concluse con un 1-0 per il Cagliari e quei due punti “sottratti” risultarono decisivi, costringendo la compagine del presidente Mariano Delogu agli spareggi. In quel Cagliari si mise in luce un giovane Pietro Paolo Virdis, appena diciannovenne che mise a segno ben 18 reti. I sardi, guidati in panchina da Mario Tiddia, tornano nel massimo campionato due anni dopo nel 1979, insieme a Udinese e Pescara.

Il Cagliari resta altri quattro anni in A giocando un calcio piacevole e sbarazzino con un attacco formato dal trio Virdis, Piras e Selvaggi, sempre con Tiddia in panchina, ottenendo un nono posto nel 1979-1980 e un sesto posto nel 1980-1981 e due tornei coincidenti con la gestione societaria di Alvaro Amarugi, culminati con la sfortunata retrocessione del 1983 dove totalizzò ben 26 punti e si vide superare dall’Ascoli nello scontro diretto dell’ultima giornata, fu la prima volta che nei campionati a 16 squadre non furono sufficienti 26 punti per evitare la Serie B.

Dopo un’anonima stagione fra i cadetti, nel 1984 la società è rilevata dall’ambizioso imprenditore edile Fausto Moi, ma i risultati sportivi sono comunque deludenti: nel 1984-1985 la compagine, dopo un inizio disastroso, retrocede in Serie C1 (ancora all’ultima giornata, stavolta nella gara spareggio al Sant’Elia, pareggiata per 0-0 col Catania), venendo tuttavia ripescata in luogo del Padova (declassato d’ufficio per illecito sportivo); nel 1985-1986 il parco giocatori è profondamente rinnovato allo scopo di tentare il ritorno in Serie A, tuttavia la stagione è ancora deludente, con la squadra che riesce a salvarsi solo all’ultima giornata; nel 1986-1987, infine, dopo essere riuscita a iscriversi in extremis, la società viene penalizzata di 5 punti per il suo coinvolgimento nel Totonero-bis, un pesante handicap che i sardi non riescono a colmare, finendo col retrocedere in C1. Clamorosamente in quell’anno, mentre in campionato le cose andavano male, la squadra riuscì a raggiungere le semifinali di Coppa Italia, venendo sconfitta dal Napoli di Maradona.

Il club sardo, appena acquistato dai fratelli Orrù (commercianti di materiale edile), trascorse in Serie C1 due stagioni, la prima delle quali lo vede, ricostruito precipitosamente per via del rischio incombente di fallimento, evitare per un punto la retrocessione in Serie C2 sotto la conduzione del rientrante Mario Tiddia (subentrato a campionato in corso a Enzo Robotti).

Nel 1988-1989, con l’arrivo del tecnico Claudio Ranieri e del general manager Carmine Longo, la squadra viene ringiovanita, riuscendo a conquistare il ritorno nella serie cadetta vincendo il proprio girone e classificandosi prima con 45 punti; in quello stesso anno i sardi completano la stagione in bellezza vincendo la Coppa Italia di Serie C, battendo nella doppia finale la SPAL 3-0 all’andata e 2-1 al ritorno.

Il Cagliari della stagione 1988-89, vincitrice della Coppa Italia di Serie C.
Nel campionato 1989-1990 il Cagliari, ancora imperniato su svariati giovani emergenti, con 47 punti riesce a ripetersi, ottenendo la doppia promozione e approdando di nuovo in Serie A dalla quale era assente da 7 anni (massimo periodo di assenza dei rossoblù dalla Serie A dal loro primo approdo nel 1964).

Al ritorno nella massima serie seguono due campionati conclusi con altrettante salvezze, potendo contare tra le sue file su calciatori di talento come l’uruguaiano Enzo Francescoli (appena qualche anno prima considerato il miglior giocatore sudamericano dell’anno) e il sardo Gianfranco Matteoli, oltreché di un giovane e promettente attaccante uruguaiano, Daniel Fonseca.

Nel 1992-1993 il Cagliari, acquistato da Massimo Cellino e allenato da Carlo Mazzone e con Luis Oliveira in attacco si piazza sesto in campionato con 37 punti e riesce a qualificarsi alla Coppa UEFA, l’anno successivo i sardi arrivano fino alla semifinale della competizione europea affrontando l’Inter, con la quale i rossoblù vincono in casa per 3-2 e perdono nella gara di ritorno a Milano per 3-0, venendo eliminati. In campionato i sardi si piazzano dodicesimi, precedendo di un punto in classifica proprio l’Inter.

Nel 1994-1995 i rossoblù, sotto la guida di Óscar Tabárez, giungono noni, sfiorando per tre punti una nuova qualificazione alle coppe europee. Nel 1996-1997 il Cagliari retrocede di nuovo in B dopo aver perso lo spareggio con il Piacenza (1-3). L’anno successivo, i sardi con Gian Piero Ventura allenatore ritornano immediatamente in Serie A ottenendo nel 1998-1999 una tranquilla salvezza esprimendo un calcio piacevole e divertente, l’anno successivo al termine del campionato 1999-2000 la squadra retrocede ancora una volta in Serie B sotto la guida di Renzo Ulivieri.

Il Cagliari trascorre le successive tre stagioni nel campionato cadetto, senza riuscire a ottenere la promozione nella massima serie. Solo al quarto anno, nel 2003-2004, sotto la guida tecnica di Edoardo Reja, con Gianfranco Zola in campo e con in squadra giocatori come David Suazo, Mauro Esposito, l’esuberante Antonio Langella e con il ritorno del sardo Gianluca Festa, i rossoblù vengono promossi in Serie A, disputando un campionato con 24 squadre, il più lungo della storia della Serie B, e arrivando secondi in classifica, a pari punti con il Palermo che si classificherà primo per miglior differenza reti. Nella stagione successiva il Cagliari, con in panchina il debuttante Daniele Arrigoni e trascinata dal fantasista di Oliena, gioca un campionato dai due volti, fortissimo in casa e fragile in trasferta, rimanendo a lunghi tratti nella parte alta della classifica salvo poi crollare alla fine; la squadra rossoblù chiuderà al 12º posto e raggiungerà per la terza volta nella sua storia la semifinale di Coppa Italia. Nelle stagioni successive la società sarda riesce a mantenersi nella prima divisione nazionale raggiungendo salvezze tranquille, a parte qualche eccezione come nella stagione 2008-2009 con in panchina Massimiliano Allegri e in rosa giocatori come Daniele Conti, Andrea Cossu e Jeda, la squadra sfiora la qualificazione in Europa League classificandosi al nono posto.

Il 10 giugno 2014, dopo ventidue anni di presidenza, Cellino cede la totalità delle azioni del club alla Fluorsid Group dell’imprenditore milanese Tommaso Giulini, il quale diventa il nuovo proprietario della squadra. Il presidente Giulini affida la panchina del Cagliari all’allenatore boemo Zdeněk Zeman, nella speranza di vedere un calcio offensivo e divertente; la rosa viene stravolta e ringiovanita in base alle scelte del neo allenatore. Purtroppo la stagione si rivela fallimentare, il tecnico boemo viene esonerato a metà campionato e al suo posto viene chiamato Zola, per poi essere richiamato dopo solo sei giornate. Il 17 maggio 2015, dopo la sconfitta casalinga 0-1 contro il Palermo, il Cagliari retrocede matematicamente in Serie B dopo aver disputato undici campionati consecutivi in Serie A. Al termine della stagione lasceranno i colori rossoblù il capitano Daniele Conti che lascerà il calcio giocato e il fantasista cagliaritano Andrea Cossu che passa all’Olbia.

L’obiettivo della stagione 2015-2016 è la pronta risalita in Serie A, la fascia da capitano viene ereditata da Daniele Dessena; il Cagliari, sotto la guida dell’allenatore Massimo Rastelli, vince il suo primo campionato di Serie B ritornando dopo solo un anno di assenza in massima categoria. A partire dalla nuova militanza in Serie A, nell’estate 2016 la rosa si arricchisce di nuovi nomi, tra i quali figurano il campione d’Europa Bruno Alves, Marco Borriello e Artur Ioniță. Dopo un buon girone di andata, con ottime prestazioni soprattutto in casa, nonostante un calo nella tornata conclusiva i sardi ottengono anticipatamente e senza patemi la matematica salvezza piazzandosi all’undicesimo posto finale.

La società per la stagione 2017-2018 si prefigge di migliorare il piazzamento della passata stagione ma con grande sorpresa negli ultimi giorni di calcio mercato si assiste all’addio al Cagliari di Marco Borriello, rimpiazzato subito dall’attaccante Pavoletti, prelevato dal Napoli e rientra in squadra Andrea Cossu dopo un esperienza di due anni all’Olbia. L’inizio della stagione non è dei migliori; già all’ottava giornata, dopo una serie di uscite negative, l’allenatore Massimo Rastelli viene esonerato e al suo posto subentra l’uruguaiano Diego Luis López. Le prestazioni però non cambiano; la squadra viene eliminata dalla Coppa Italia dal Pordenone, mentre in campionato i risultati sono altalenanti. Il Cagliari riesce a ottenere la salvezza solo all’ultima giornata, grazie alla vittoria contro l’Atalanta e, nella precedente partita, contro la Fiorentina.

Palmarès

Scudetto Campionato italiano: 1
1969-1970

Coppa Ali della vittoria Campionato italiano di Serie B: 1
2015-2016

Campionato italiano Serie C: 1
1951-1952

Coccarda Coppa Italia Serie C: 1
1988-1989

Stadi di club

Il primo campo interno del Cagliari fu lo Stallaggio Meloni, uno spiazzo posto tra viale Trento e viale Trieste, dove erano state montate delle porte da calcio: il Cagliari vi esordì l’8 settembre 1920, battendo la Torres per 5-2. Nell’ottobre 1924 iniziò la costruzione del nuovo stadio Comunale Via Pola,utilizzato dalla società a partire dal 1928 fino al 1951, anno in cui la squadra si spostò allo stadio Amsicora. Fu in questa struttura che il Cagliari, nella stagione 1969-1970, vinse lo storico scudetto. Erano stati frattanto avviati i lavori di costruzione di un’arena ancora più grande e moderna, lo stadio Sant’Elia, che sotto la supervisione dell’ingegnere Giorgio Lombardi venne completato nell’estate del 1970 e inaugurato già nel mese di settembre. Capace di circa 70 000 persone (compresi gli spettatori in piedi, all’epoca ammessi), l’impianto costò 1,9 miliardi di lire, dei quali un quarto venne coperto dal CONI attraverso un credito sportivo di circa 550 milioni erogato in due tranche. Lo stadio ospitò nel 1990 alcune partite del Campionato del Mondo. La nuova struttura soffrì tuttavia fin da subito di deficienze infrastrutturali: le vie d’accesso erano infatti insufficienti a reggere adeguatamente il volume di pubblico della struttura e il parcheggio, in un primo momento, era capace di soli 200 stalli per autovetture. A tali problemi venne tuttavia progressivamente posto rimedio, ampliando le arterie viarie e gli spiazzi di sosta.

Dal settembre al dicembre 2003 il Cagliari dovette momentaneamente trasferirsi allo stadio Nino Manconi di Tempio Pausania, onde consentire l’esecuzione di alcuni lavori di adeguamento al Sant’Elia: in questo periodo diverse tribune vennero chiuse e sostituite da altre in acciaio a carattere posticcio, erette all’interno del “catino” degli spalti sopra la pista di atletica leggera (ormai caduta in disuso). Con l’addentrarsi nel terzo millennio lo stadio vide crescere la sua obsolescenza: dall’aprile all’agosto 2012 esso venne dichiarato inagibile, obbligando il Cagliari a giocare le sue gare casalinghe allo stadio Nereo Rocco di Trieste.

Dinnanzi a quest’ultimo rovescio, il Cagliari si risolse ad abbandonare il Sant’Elia, decidendo di trasferirsi allo stadio Is Arenas, nel comune limitrofo di Quartu Sant’Elena. Tale piccolo impianto, fino a quel momento utilizzato dalle squadre locali del Sant’Elena e del Quartu 2000 (a carattere dilettantistico), venne strutturalmente rivoluzionato: in poco più di cinque mesi vi vennero erette tribune supplementari in ferrotubi prefabbricati (alcune delle quali già in uso al Sant’Elia), elevandone la capienza a 16 500 spettatori. L’accordo col comune quartese prevedeva la concessione esclusiva di Is Arenas per tre anni al club rossoblù, previo versamento di un canone annuale di 30 000 euro. Tuttavia lo stadio così allestito non riesce a ottenere la piena agibilità: diverse partite si disputano infatti a capienza ridotta o a porte chiuse. Nella stagione seguente, dopo un ennesimo diniego del certificato di agibilità per l’impianto di Quartu Sant’Elena, il Cagliari opta per ritornare al Sant’Elia, che viene ristrutturato parzialmente e messo in sicurezza per consentirne l’agibilità. Le tribune provvisorie vennero poi rimosse dall’Is Arenas, che venne riportato allo stato d’origine. A seguito della formalizzazione del progetto definitivo per la costruzione di un nuovo stadio nella città di Cagliari, il Sant’Elia è stato infine definitivamente dismesso e avviato alla demolizione al termine della stagione sportiva 2016-2017. In sua sostituzione, la società ha optato per costruire uno stadio provvisorio in ferrotubi rivestiti (del tutto simile al già citato Is Arenas) nell’area dei parcheggi del vecchio impianto: nasce così la Sardegna Arena, capace di 16 233 posti a sedere, che dal biennio 2017-2018 serve da campo interno dei rossoblù. Non appena il nuovo stadio di proprietà (destinato a sorgere sul sito del vecchio Sant’Elia) sarà stato ultimato e omologato, la Sardegna Arena sarà demolita e riadibita a parcheggio.

Il centro di allenamento, eretto nel 1995, si trova nella località Sa Ruina, nel comune di Assemini, e fino all’estate 2014 era intitolato a Ercole Cellino, padre dell’ex presidente rossoblù Massimo; dopo l’acquisto della società da parte di Tommaso Giulini, il centro sportivo ha preso il nome di Asseminello. Qui, oltre a essere sede degli allenamenti della prima squadra, si allenano e disputano le partite dei rispettivi campionati la Primavera e alcune formazioni giovanili quali gli Allievi Nazionali, la Juniores e i Giovanissimi Nazionali. Il centro ha 3 campi in erba di dimensioni regolari, un campo sintetico di dimensioni regolari, uno in erba di dimensioni quasi regolari, una palestra e una gabbia in sintetico. Nel centro sono presenti una sala stampa, un centro benessere e un hotel con 15 stanze di cui dieci doppie e cinque singole, una President Suite e una Junior Suite. È presente inoltre una sala conferenze che può ospitare da un minimo di 20 persone a un massimo di 150, e un ristorante che offre anche cucina internazionale.

Record del club

Serie A 39
1964-1965 2018-2019

Serie B 29
1931-1932 2015-2016

Campionato Meridionale 3
1928-1929 1930-1931

Serie C 9
1936-1937 1961-1962

Serie C1 2
1987-1988 1988-1989

In 88 stagioni sportive a partire dall’esordio ufficiale di lega, risalente al 1928, il Cagliari Calcio ha disputato 38 campionati di massima serie, tutti in Serie A, piazzandosi tra i primi sei posti in sette occasioni (1965, 1967, 1969, 1970, 1972, 1981, 1993), vincendo il titolo nel 1969-1970, arrivando secondo nel 1968-1969, quarto nel 1971-1972. È al secondo posto tra le squadre del mezzogiorno d’Italia per numero di partecipazioni in Serie A dopo il Napoli, e al 14º posto su un totale di 60 squadre nella classifica perpetua della Serie A.

Il Cagliari ha partecipato in tre occasioni a competizioni europee organizzate dall’UEFA, in Coppa dei Campioni nel 1970-1971 e due in Coppa UEFA; inoltre vanta cinque partecipazioni in altri tornei europei, tre in Coppa Mitropa, una in Coppa delle Fiere e una in Coppa delle Alpi.

In base alle partite ufficiali finora disputate, la miglior vittoria del Cagliari è il 7-0 del 3 ottobre 1948 contro la Pistoiese, mentre la peggiore sconfitta è il 6-0 subito contro la Gallaratese il 22 aprile 1948.

Il Cagliari detiene il record di minor numero di gol subiti in un campionato a 16 squadre (11), registrato nella stagione dello Scudetto. Altri primati che riguardano la squadra sarda sono i 49 gol segnati nel campionato 1998-1999, maggior numero di gol segnati dal Cagliari in un campionato a 18 squadre, le 17 vittorie del la stagione 1969-1970, maggior numero di vittorie in un campionato, due sconfitte subìte nella stessa stagione (contro Inter e Palermo), minor numero di sconfitte in un singolo campionato e i 76 gol subiti nel 2016-2017, record negativo di gol subiti dal Cagliari in un campionato di Serie A.

L’acquisto più dispendioso nella storia del Cagliari è quello di Leonardo Pavoletti nel 2017 dal Napoli, per 9 milioni di euro più 2 milioni di bonus alla squadra partenopea, mentre la cessione più remunerativa è quella di Alessandro Matri alla Juventus per 18 milioni di euro più la metà del cartellino del difensore Lorenzo Ariaudo nel 2011.

Statistiche individuali
Il giocatore che detiene il record di presenze nei campionati con la maglia rossoblù è Daniele Conti, con 434 presenze (333 in Serie A, e 101 in B), cui seguono Mario Brugnera con 328 presenze (227 in A, 101 in B) e Gigi Piras con 320 presenze (132 in A, 188 in B); il primato per quanto concerne la sola Serie A spetta ancora a Conti con 333 presenze, seguito poi da Nené con 311 presenze, e da Gigi Riva con 289.

Il giocatore che ha segnato più reti con la maglia della squadra isolana è Riva con 164 gol (156 in Serie A, 8 in B) dal 1963 al 1976. Seguono l’honduregno David Suazo con 94 centri (44 in A, 50 in B) e Piras con 87 reti (31 in A, 56 in B). Riva detiene anche il record di gol nella sola Serie A, mentre Suazo il record di maggior numero di gol in un singolo campionato, con 22 reti nel 2005-2006.

Il portiere con più presenze con la maglia e del Cagliari è Mario Ielpo con 205 presenze tra A, B e C1, mentre il record d’imbattibilità appartiene ad Adriano Reginato con 712 minuti di porta inviolata stabilito nella stagione 1966-1967. Alessandro Matri in coabitazione con Riva detiene il record di maggior numero di gol consecutivi con la maglia del Cagliari con 7 centri. Infine i giocatori che sono riusciti a realizzare una tripletta in Serie A sono Riva (per due volte) Mancin, Piras, Dely Valdés, Oliveira, Mboma, Ânderson Miguel da Silva “Nenê”, Larrivey, Pinilla, Ibarbo ed Ekdal.

Tifosi

Nell’ultima rilevazione ufficiale della Lega Serie A, risalente al 2013, il Cagliari Calcio è risultata l’8ª squadra d’Italia per numero di tifosi, con 446.376 sostenitori. Un sondaggio indipendente effettuato dallo “Studio Grizzaffi”, azienda specializzata in ricerche di mercato, e pubblicato dalla stessa il 3 ottobre 2015, colloca invece il Cagliari all’11º posto, a pari merito col Torino, e in riferimento alla stagione 2014-2015.

Il tifo organizzato cagliaritano nasce negli anni 1970, in seguito alla vittoria dello scudetto nel campionato 1969-1970: si formano quindi i gruppi “Fossa Ultrà” e “Commando Ultrà Young Supporters” (CUYS). Nel 1985 si fondono formando gli “Ultrà Cagliari Curva Nord” (UCCN), affiancati dagli “Eagles”. Si formano in seguito i “Crazy Boys”, la “Brigata S. Elia”, i “Panthers”, i “Rebels”, i “Miserabili”, i “Welt Schmerz”, i “Bunker Skin”, i “Furiosi”, questi ultimi nel 1989 dalla fusione di piccoli gruppi radicali, e le “Vecchie Facce”, estrema destra (sciolto in seguito a Cagliari-Ascoli nella Coppa Italia 2000-2001).

Nel febbraio del 1987 nascono poi gli “Sconvolts”: prendono il sopravvento alla fine degli anni 1980, in seguito alla retrocessione in Serie C1. Insieme ai Furiosi gli Sconvolts guidano per diversi anni la tifoseria: i primi si trovano nella parte superiore, i secondi in quella inferiore; la divisione è causata da una spaccatura dovuta alle diverse mentalità. La guerra intestina porta l’eliminazione forzata nel 2004 dei Furiosi dalla curva Nord e al loro scioglimento. Tra le motivazioni vi è anche la perdita per due volte, dello striscione: ad opera dei milanisti, nel 1991-1992, e ad opera degli anconetani, nei primi anni 2000. Il punto di ritrovo della tifoseria per festeggiare i successi della squadra è Piazza Yenne, dove la statua di Carlo Felice viene vestita di rossoblù nei festeggiamenti per la salvezza o la promozione in A.

Dopo la fine del gemellaggio coi foggiani e coi sampdoriani, i tifosi cagliaritani hanno solamente rapporti di amicizia. La più importante è quella con i corregionali dell’Olbia, con gli “Sconvolts” amici degli “Sbandati” e i “Furiosi” in buoni rapporti con le “Brigate Bianche”. Altri rapporti d’amicizia o di rispetto reciproco si hanno con altre tifoserie sarde, come Carbonia, Nuorese e Calangianus (a formare una fazione prevalentemente contro-Torres). In passato, oltre a quella con il Foggia, ci sono stati rapporti di gemellaggio o amicizia, diventati rivalità, con le tifoserie di Torres, Hellas Verona, Inter, Genoa, Bari, Napoli, Ancona e Lazio.

La rivalità più sentita è con la Torres, con pesanti scontri avvenuti in alcune occasioni, durante un’amichevole tra le due squadre ad Alghero nel 1999 e con i più recenti fatti di Sassari nel 2017, con i tifosi del Cagliari diretti ad assistere un amichevole della loro squadra con il Sorso. Inimicizie e ostilità maggiori vigono anche con la Juventus, con il Palermo, con il Napoli, dopo gli scontri tra tifoserie e forze dell’ordine avvenuti nel 1997 in occasione dello spareggio salvezza Cagliari-Piacenza allo Stadio San Paolo, e con il Milan, a causa del gemellaggio che c’era con la curva dell’Inter.

Ti potrebbe interessare

Imperiumweb sui

Поделиться в facebook
Поделиться в twitter
Поделиться в linkedin